Intuizioni “di gusto”, Ratatouille

Contrariamente a quanto pensi, la luce questa volta viene da dentro. Il sole è nelle collezioni e non soltanto perché si tratta di abiti per bambini e ragazzi. Continua a leggere “Intuizioni “di gusto”, Ratatouille”

Intuizioni “di gusto”, Il Golosone

Il negozio di Alessandro e Barbara ricorda quelli di una volta, dove trovi di tutto un po’. Fermando lo sguardo però noti qualcosa di non scontato. Continua a leggere “Intuizioni “di gusto”, Il Golosone”

Intuizioni “di gusto”, Alimentari Luca Patrian

Il negozio di montagna di Luca, quello che nelle prime immagini del video scorgi appena, in fondo alla via, è una vetrina sul mondo, forse poco vistosa, ma vocata a prenderti per mano. Continua a leggere “Intuizioni “di gusto”, Alimentari Luca Patrian”

“Festeggiamo cinquant’anni di attività”

È il primo agosto 1967 quando Delfina apre il negozio di generi alimentari e tabaccheria in località La Villa di Sandigliano. Perché la bottega funziona e averne una vicino casa è considerata una comodità non da poco. Continua a leggere ““Festeggiamo cinquant’anni di attività””

“Rustiche e antiche”

Situato a poco più di mille metri d’altezza, è uno dei negozi di generi alimentari più “in quota” del Biellese. Per arrivarci percorri sentieri in ciottolato, scalini in pietra o, per scegliere la via più agevole, attraversi il parco giochi, come indica il cartello. Continua a leggere ““Rustiche e antiche””

“Sono rimasta soltanto io”

Poco più di novecento abitanti e un negozio di generi alimentari. Questa è la fotografia di Tavigliano, in Valle Cervo, dove trovi ancora i bambini che giocano per strada e il cane che attende fuori dalla bottega e che neppure si sposta quando passa un’auto, tanto lo sa che faranno attenzione. Perché ci si conosce tutti. Continua a leggere ““Sono rimasta soltanto io””

Quel buon profumo del pane

Quando ancora sei alle prese con il parcheggio dell’auto e già ti arriva al naso quel buon profumo del pane, sembra di raccontare una storia di ieri. A Mottalciata invece, pardon, alla Motta, come si dice nella parlata, succede ancora. Tutte le mattine, ininterrottamente dal 1967. Continua a leggere “Quel buon profumo del pane”

“Il telefono si è fatto rovente”

È diventato un punto di riferimento per chi ama il cucito creativo e l’hobbistica femminile, tanto che all’esposizione del cartello “cedesi attività”, il telefono si è fatto rovente per le manifestazioni di dispiacere. Continua a leggere ““Il telefono si è fatto rovente””

“Quando non mi trovi sono a Camandona”

“Quando non mi trovi sono a Camandona” si legge all’Ufficio turistico di frazione Bianco, di Camandona appunto. Perché è nelle emozioni che si provano passeggiando sui sentieri, all’ombra dei castagni, respirando aria tersa, che la scopri sorprendente. Così dice il ritratto promozionale, ma nella scala dei valori probabilmente si stanno scegliendo pioli diversi, perché a fare due passi in paese s’incontra appena qualche pensionato, a volte il cantoniere. E siamo a luglio, mese in cui i cittadini dovrebbero venire a cercare il fresco e ad aprire le persiane delle seconde case. Continua a leggere ““Quando non mi trovi sono a Camandona””

Fausto diventa libraio

Questa è la storia di un “ragazzo” che nella vita vuole migliorarsi sempre e allora decide, non proprio su due piedi ma quasi, di rilevare una libreria, luogo votato alla voglia di conoscere, in barba a chi sostiene che si legga sempre meno. Perché in realtà si legge ma in modo diverso e questo Fausto Mino, 53 anni, che dal 6 maggio gestirà la libreria Arcadia di via Mazzini 88 a Cossato, lo comprende. La sfida ora consiste nel mettere in pratica l’intuizione. Continua a leggere “Fausto diventa libraio”

Con la panna fin sulla punta del naso

Ce l’hanno fatta. Il sogno si è avverato. Frazione Campore di Valle Mosso è diventata per un giorno il centro del mondo. Sono state centinaia le persone che hanno partecipato alla festa per i cinquant’anni di attività della Pasticceria Maniscalco Rainero Continua a leggere “Con la panna fin sulla punta del naso”

“Cento ne pensava e mille ne faceva”

A vederli lì in ghingheri, dietro al banco delle bignole, non lo diresti. Ma a dar confidenza non ne esci più, se non con un vassoio di pasticcini in mano. Perché loro, della Maniscalco Rainero, sono così, un tutt’uno con la pasticceria, con la Valle di Mosso e con le persone che gli capita anche soltanto di sfiorare. E in questi giorni festeggiano cinquant’anni di attività, tappa di un viaggio che consolida esperienza e tenacia. Continua a leggere ““Cento ne pensava e mille ne faceva””

Se ci muoviamo, qualcosa di positivo accade

Certe donne posseggono una marcia in più, si sa. Ascoltarle però è un toccasana che apre definitivamente la mente. Le noti subito. Si esprimono affermando quanto valgono senza farsi tanti crucci. Sono sorridenti e risolute, magari pure un po’ troppo audaci, ma la vita va vissuta. Continua a leggere “Se ci muoviamo, qualcosa di positivo accade”

Le coccole vestono caldo e morbido

Non sembra, ma è una questione squisitamente umana. La spesa che si fa di corsa, buttando alla rinfusa di tutto un po’, anche più di quel che serve, nutre solo in parte. L’anima si rifocilla soprattutto di attenzioni. Da che l’uomo esiste, le coccole vestono caldo e morbido, perché a fare la differenza saranno sempre le persone e il contenuto del frigorifero riflette lo stile di vita. Continua a leggere “Le coccole vestono caldo e morbido”