La certificazione bio per distinguersi

Se si guarda all’agricoltura e all’allevamento con piglio consapevole, puntando al metodo biologico quale opportunità di rilancio del settore, rimangono dei nodi che rendono il “ritorno alla natura” non scontato. Continua a leggere “La certificazione bio per distinguersi”

“Dipende dall’erba”

Dipende dall’erba, se ce n’è abbastanza per sfamare le vacche, la vita di Valter Croso, margaro per eccellenza. E’ sceso a valle, “disalpà” come dice lui, due settimane fa. Dall’Alpe Campelli in Val Sessera, Campello sulle mappe, è tornato a Brusnengo, da dove era partito a maggio. Potrebbe rimanerci un mese, ma durante l’estate ha piovuto poco. Probabilmente dovrà spostarsi con la mandria su altri pascoli, a Castelletto Cervo, alla volta poi di Camburzano, dove trascorrerà l’inverno in cascina. Continua a leggere ““Dipende dall’erba””

“Lo sterco di vacca non è corrosivo”

I margari, questi orsi. Verrebbe da buttarla lì, così, senza tanti peli sulla lingua. Ma non sarebbe onesto, anzi, è un’idiozia che va sotterrata con un po’ di buona informazione. Saranno pure riservati, schivi; in fin dei conti mica possono tradire la storica nomea biellese. Vivono senza tante pretese. Avvicinarli non è scontato, è vero, entrare in certi argomenti che gli stanno a cuore ancora meno, ma basta superare le apparenze per scoprire persone sagge che guardano oltre certe banalità, di una gentilezza un po’ all’antica, ma morbida che nulla a che fare con gli abiti ruvidi che portano addosso, sulla pelle, e a volte anche sul cuore, per non sentire le smorfie della vita o di quelli che non li vogliono capire. Continua a leggere ““Lo sterco di vacca non è corrosivo””