Gli Alpini ricordano con il cuore

Non è il solito cerimoniale. Anche se lo spirito si coglie fin da subito con quei “Ciao, mica va?” e pacca sulla spalla. Il gruppo degli Alpini di Camandona celebra l’80esimo anno di fondazione seguendo il cuore. E la decisione piace. Continua a leggere “Gli Alpini ricordano con il cuore”

Molto più di una festa

Sbirci in sala e scorgi una decina di tavoli apparecchiati di tutto punto con tovaglia bianca e fiori; in cucina, dove ti intrufoli sempre per poterne scrivere, l’atmosfera è altrettanto intrigante. Perché se alla festa ci vai per trascorrere la domenica in compagnia, poi ti rendi conto di fare ben di più. Continua a leggere “Molto più di una festa”

Intuizioni “di gusto”, Alimentari Luca Patrian

Il negozio di montagna di Luca, quello che nelle prime immagini del video scorgi appena, in fondo alla via, è una vetrina sul mondo, forse poco vistosa, ma vocata a prenderti per mano. Continua a leggere “Intuizioni “di gusto”, Alimentari Luca Patrian”

Luca Patrian premiato ad Alba

Lunedì scorso, 18 settembre, Luca Patrian, titolare dell’omonimo negozio di alimentari di Camandona, è stato premiato da Beppino Occelli in persona, a Bra, a Casa Occelli appunto, con il titolo di “Beppino Occelli brand ambassador – Cheese 2017”. Continua a leggere “Luca Patrian premiato ad Alba”

“Quando non mi trovi sono a Camandona”

“Quando non mi trovi sono a Camandona” si legge all’Ufficio turistico di frazione Bianco, di Camandona appunto. Perché è nelle emozioni che si provano passeggiando sui sentieri, all’ombra dei castagni, respirando aria tersa, che la scopri sorprendente. Così dice il ritratto promozionale, ma nella scala dei valori probabilmente si stanno scegliendo pioli diversi, perché a fare due passi in paese s’incontra appena qualche pensionato, a volte il cantoniere. E siamo a luglio, mese in cui i cittadini dovrebbero venire a cercare il fresco e ad aprire le persiane delle seconde case. Continua a leggere ““Quando non mi trovi sono a Camandona””

“Dipende dall’erba”

Dipende dall’erba, se ce n’è abbastanza per sfamare le vacche, la vita di Valter Croso, margaro per eccellenza. E’ sceso a valle, “disalpà” come dice lui, due settimane fa. Dall’Alpe Campelli in Val Sessera, Campello sulle mappe, è tornato a Brusnengo, da dove era partito a maggio. Potrebbe rimanerci un mese, ma durante l’estate ha piovuto poco. Probabilmente dovrà spostarsi con la mandria su altri pascoli, a Castelletto Cervo, alla volta poi di Camburzano, dove trascorrerà l’inverno in cascina. Continua a leggere ““Dipende dall’erba””