Gli studenti incontrano il mondo del lavoro

L’edizione 2017 di “Bona Up!”, promossa dall’Istituto Eugenio Bona di Biella, guarda all’innovazione e all’ecosostenibilità. Porta in classe gli attori dell’economia e dell’associazionismo, consentendo ai ragazzi di confrontarsi con il mondo del lavoro.

Fra le trentasette realtà presenti, il relatore che s’incontra in aula è Paolo Pastorino, portavoce di “StayDo” che si occupa di turismo esperienziale in Piemonte: offre al visitatore opportunità di svago personalizzate, mettendo in contatto domanda e offerta. I ragazzi interagiscono, sono presenti anche nella seconda parte dell’incontro, quando i cellulari depositati sulla cattedra sono ormai ritornati in tasca.

“È fare lezione in modo diverso – spiegano durante l’intervallo Deborah e Désirée, studentesse del quinto anno -. Pensando anche alle precedenti edizioni, gli argomenti proposti sono sempre stimolanti. Si scoprono attività di cui magari non abbiamo mai sentito parlare. Certo, sarebbe ancora meglio se potessimo assistere alle presentazioni delle aziende che sono di nostro maggiore interesse”.

La dirigente Raffaella Miori commenta: “È un’occasione per comprendere come si crea e si gestisce l’attività imprenditoriale. I ragazzi hanno modo di conoscere le realtà che caratterizzano il territorio, quelle più innovative, rimanendo all’interno dell’Istituto, nell’ambito dell’attività didattica. È un’iniziativa partita nel 2013, anno della ricorrenza dei cento anni della nostra scuola, ed è legata al progetto di alternanza scuola-lavoro. Il ‘papà’ dell’idea è il professore di Economia Enzo Mario Napolitano, mentre dell’organizzazione se ne è occupata la professoressa Debora Bazzano, con la collaborazione della collega Elisa Gariazzo”. Il referente sfugge ai riflettori, si rintraccia invece Bazzano, che dice: “Vediamo interesse da parte dei ragazzi e molta competenza da parte delle aziende che provengono da settori diversi dell’economia. Alcuni imprenditori ci chiedono di essere tenuti in considerazione per la prossima edizione, altri ricambiano l’invito, ci attendono nelle loro sedi. Sono tutti segnali che chiaramente fanno piacere quando si organizza una giornata che richiede mesi di preparazione. Cerchiamo sempre di migliorare, di innovare, di essere dinamici, come i ragazzi ci stimolano a fare e come la scuola stessa si propone”.

Le attività rappresentate a “Bona Up!”, che si è svolta lunedì 6 novembre, sono state: Fila museum, Hydro, Mantico, StayDo, Santuario di Oropa, Lab-Chimica Filo da tessere, Dottor Rovetti, PerMicroLab, Franca Lizza, Diario del web, Debora Ferrero, Biella24, Gessi, Rete al femminile, Filati Drago, UI Giovani imprenditori, Città Studi, Gustevole, Urban Kintsugi, NaturalBoom, Noi del Bona, Armando Riva, La Culma, Ted Consoli, Il Pascolo/Verdi radici, Domenico Marchetti riso, UPB, CossatoShop, Klick System/International Sky running, W@wi con Carla Fiorio, CNA – Dreams, Fondazione Pistoletto, SellaLab, CCIAA, Relais Santo Stefano, Mente-Locale ed Emiliano Toso.

testo e immagini di Anna Arietti

riproduzione riservata