“Il telefono si è fatto rovente”

È diventato un punto di riferimento per chi ama il cucito creativo e l’hobbistica femminile, tanto che all’esposizione del cartello “cedesi attività”, il telefono si è fatto rovente per le manifestazioni di dispiacere.

La merceria “Filomania” di via Trento 34 a Biella in effetti riflette la bellezza della vita, ampia e luminosa, colorata, ma Maurizia Trabaldo Lena, 36 anni, non ce la fa proprio più.

“La decisione è stata difficile. Il negozio è un punto di riferimento, ma anche di ritrovo. La questione è che sono mamma di tre bambini, di cui due molto piccoli, e abito a Trivero. Le clienti più affezionate hanno capito e si domandano come abbia fatto fino a oggi a lavorare e a gestire la famiglia. Il negozio è impegnativo e dunque sono costretta, a malincuore, a cedere l’attività che ho avviato quasi tre anni fa, trasformando la passione in un lavoro. Perché di fatto è un lavoro creativo. Ogni giorno ti trovi circondata di colori che, si sa, migliorano l’umore. Il negozio vive con i progetti che realizzo. Nella stagione estiva propongo, ad esempio, la borsa da mare coordinata con il telo da spiaggia. Nel periodo natalizio ci sarà l’oggettistica realizzata a mano che segue il periodo. Si può trovare l’articolo classico, come la cerniera, ma anche i tessuti americani più ricercati, il feltro, il panno lana o i tessuti in neoprene. Tengo poi gli accessori, le attrezzature necessarie per cucire, i pennarelli particolari, i manici delle borse, un vasto assortimento di gomitoli di lana, nonché il necessario per i ferri dritti e circolari e i filati da ricamo”.

Maurizia tiene corsi di patchwork, il cucito creativo dove si impara a realizzare le tovagliette americane quanto la coperta matrimoniale.

“L’attività, per il momento, fa parte di un franchising e quindi l’azienda che mi segue, volendo, supporta nella formazione. Diversamente si può procedere in modo autonomo. Se occorre, sono a disposizione anch’io. Chi fosse interessato a subentrare nell’attività può scegliere di rimanere con l’organizzazione attuale o di cambiare. Il mio contratto termina a novembre. Per contattarmi si può chiamare il —.——”.

Anna Arietti

pubblicato su BiellaCronaca.it il 5 agosto 2017

titolo: “Cedo l’attività a malincuore”

riproduzione riservata

FullSizeRender